Biennale Internazionale del Merletto di Cantù - Merletto Italiano

Vai ai contenuti

Menu principale:

Biennale Internazionale del Merletto di Cantù

I Protagonisti > Lombardia

13a Biennale Internazionale del Merletto di Cantù
autunno 2017
Web: www.merletti.it



La Biennale Internazionale del Merletto di Cantù, ormai giunta alla sua 13a edizione, prosegue l’impegno di valorizzazione e riscoperta di questo particolare settore della produzione artistico-artigianale, avviata sin dalla prima rassegna nell'ormai lontano 1993.
Il Comitato per la Promozione del Merletto di Cantù, organizzatore della Biennale,  è un'associazione senza scopo di lucro, nata nel 1992 dalla passione e dall'amore per l'arte del merletto a fuselli. Il suo scopo è di tenere viva la memoria di questa tradizione artigianale dal passato glorioso, per renderla attuale e trasmetterla nel futuro. L'Associazione è da tempo un punto di riferimento per quanti desiderano conoscere più da vicino storia, materiali, tendenze e caratteristiche del merletto a fuselli, sia nei capolavori realizzati in passato, sia nei manufatti dei giorni nostri.
Nel corso delle varie edizioni della Biennale è stato possibile, infatti, non solo ammirare un patrimonio di ineguagliabile bellezza rappresentato da importanti capi di merletto di Cantù antichi appartenenti a raccolte pubbliche e private, ma guardare avanti, attraverso l'esposizione dei moderni lavori delle scuole e la proposizione di un concorso internazionale che ha come finalità principale quella di promuovere la progettazione del merletto nelle sue più varie applicazioni e che tradizionalmente è articolato in due sezioni: la prima dedicata all'innovazione; la seconda alla tradizione.
A ciò si aggiungono ormai tradizionalmente numerosi eventi collaterali, quali mostre o convegni a tema e workshops su varie tecniche di merletto, e il sempre ottimo catalogo curato da esperti del settore.


"I Danzatori" di Andrea Branzi. Biennale 2013


 
View Costantino Landino's profile on LinkedIn
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu